Sindrome del tunnel carpale

  • di

La sindrome del Tunnel Carpale è la più comune sindrome da intrappolamento di un nervo periferico ed è causata dalla compressione del nervo mediano a livello del polso. In questa zona il nervo deve farsi spazio insieme ad altre strutture (i tendini dei flessori) all’interno di un canale osteo-fibroso delimitato dalle ossa del carpo e dal legamento trasverso del carpo. Edema, infiammazione, cambiamenti ormonali, presenza di osteofiti o attività manuali ripetute possono causare un aumento di pressione a livello del tunnel carpale e di conseguenza contribuire all’aumento della compressione nervosa causando parestesie, alterazioni della sensibilità, dolore e nei casi più severi debolezza della muscolatura innervata dal nervo.

Incidenza

Sembra che le donne oltre i 50 anni siano generalmente più colpite degli uomini, in particolare in una fascia di età compresa tra i 65-74 anni.

Fattori di rischio 

I possibili fattori di rischio per la sindrome del tunnel carpale sono diabete mellito, menopausa, ipotiroidismo, obesità, artrite e gravidanza.

Come si presenta? 

Se soffri di questa sindrome potresti inizialmente lamentare sensazioni notturne intermittenti alle prime tre dita della mano come formicolio, spilli, intorpidimento, bruciore, che aumentano poi di frequenza e tendono a comparire anche di giorno. Se la situazione dovesse peggiorare potrebbe presentarsi perdita della sensibilità alle prime tre dita della mano (a volte anche a tutto il palmo), progressiva debolezza e atrofia della muscolatura del pollice e della mano e difficoltà nell’esecuzione di attività manuali. A volte potresti avvertire fastidi a livello del gomito e della spalla riconducibili più a sensazioni di dolore.

Diagnosi 

Per la diagnosi della sindrome del tunnel carpale vengono utilizzati alcuni test clinici come il test di Tinel e di Phalen che vanno ad evocare con manovre differenti i sintomi. Un altro test utilizzato è la valutazione della forza della muscolatura del pollice.  A questi si accompagnano esami diagnostici quali l’elettromiografia e l’ecografia: la prima valuta la funzionalità del nervo ovvero la sua capacità di condurre stimoli; la seconda invece analizza a livello strutturale e anatomico la condizione del nervo e delle strutture a livello del polso.

Inoltre per valutare i sintomi e il grado di disabilità, il questionario validato più utilizzato è il Boston Carpal Tunnel Syndrome Questionnaire. 

Cosa si può fare? 

La scelta del trattamento da intraprendere dipende da una serie di fattori: la fase della patologia, l’andamento dei sintomi e come questi influiscono sulla qualità della vita, l’età del paziente e le sue richieste funzionali. L’approccio dunque deve sempre essere personalizzato. 

Generalmente il primo approccio che si decide di attuare è quello conservativo, che può essere seguito dall’intervento chirurgico in caso di sintomi importanti e persistenti. 

La gestione conservativa della sindrome del tunnel carpale si basa sull’utilizzo di tutori, adattamento graduale delle attività manuali, mobilizzazioni dell’articolazione del polso, esercizi per diminuire lo stress meccanico sul nervo e sul tessuto che lo circonda. Esercizi e tecniche di scorrimento dei tendini e del nervo mediano possono aiutare a ridurre la sintomatologia.

Spesso inoltre può capitare che dietro una sintomatologia riconducile alla sindrome del tunnel carpare, si nascondano problematiche legate al tratto cervicale e/o toracico risulta dunque importante la valutazione di questi distretti.

Il trattamento chirurgico invece consiste nel tagliare il legamento trasverso del carpo per ridurre la pressione a livello del tunnel. Questa decompressione chirurgica può essere eseguita tramite una tecnica tradizionale “aperta” o tramite un approccio endoscopico mini invasivo.

Conclusioni

La sindrome di tunnel carpale è la più comune sindrome da intrappolamento di un nervo periferico e può incidere notevolmente sulla qualità della vita delle persone. Affidati a un professionista per analizzare nel dettaglio la tua situazione: con un’attenta valutazione ti informeremo sulle possibilità e sul percorso più indicato per te.

Padua L, Coraci D, Erra C, Pazzaglia C, Paolasso I, Loreti C, Caliandro P, Hobson-Webb LD. Carpal tunnel syndrome: clinical features, diagnosis, and management. Lancet Neurol. 2016 Nov;15(12):1273-1284. doi: 10.1016/S1474-4422(16)30231-9. Epub 2016 Oct 11. PMID: 27751557.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *